Suonala Ancora Elio

De Angelis è ricordato per educazione, signorilità e simpatia. Oltre che per quella sua grande passione chiamata pianoforte.

Elio de Angelis è uno dei più grandi piloti che l’automobilismo italiano abbia prodotto sul finire degli anni ’70 e i primi anni ’80. Elio non ha potuto dimostrare tutto il suo valore per il tragico incidente al circuito Paul Ricard del 14 maggio 1986. Un ragazzo eccezionale per signorilità, educazione e simpatia. Appena s’imbatteva in un pianoforte non c’era stanchezza o lunga giornata in pista che gli impedisse di suonare con sorprendente maestria.

Tanti ricordi affolano la mia memoria. Da quando lo vidi su un circuito di F3 e mi colpi per velocità e pulizia di guida, al primo encontro con papà Giulio per trovare l’accordo per il debutto con l’allora Team Everest in F2 a Misano con la Ralt-Ferrari, al capolavoro di Magione quando nello stesso anno, pur partendo in ultima fila, vinse gara e titolo italiano di F3. O la vittoria a Montecarlo ’78 davanti a Siegfried Stohr e a un certo Alain Prost.

Proprio a seguito di quel titolo si presentò al via del Campionato Europeo di F2 con la Chevron-Ferrari del Team Everest. Andò così bene che fu chiamato per un test sulla Ferrari 312 T3 di Formula 1 a Fiorano dove fece segnare tempi eccezionali. Il contratto di Elio prevedeva un’opzione a favore della Ferrari, opzione che il Commendatore avrebbe anche esercitato dopo l’incidente di Villeneuve in Giappone, ma non si concretizzò per divergenze tra il padre di Elio e l’ingegner Ferrari che, nonostante la mia mediazione, furono considerate insuperabili da papà De Angelis.

L’ultima volta che ho incontrato Elio erano le 7 di domenica 11 maggio 1986. Eravamo al porto di Monte Carlo: lui era sceso della sua barca e stava passeggiando nervosamente avante e indietro (si era qualificato solo 20esimo con la Brabham BMW). Anch’io vagavo per smaltire l’arrabbiatura della mancata qualifica del sabato con Nannini e De Cesaris, sfumata negli ultimi minuti per guasti tecnici a entrambe le vetture. Elio mi confessò che con la “sogliola” Brabham BT55 non si trovava a suo agio e il deludente inizio stagione, oltre la brutta qualifica di Monaco, erano il risultato di questa situazione.

All’improvviso accennò un sorriso e mi disse: “Riccardo (Patrese) mi ha lasciato la vettura per le prove che doveva fare lui al Ricard. Vado a fare i test per vedere se trovo soluzioni e familiarità con la vettura”. Quattro giorni dopo, per um crudele destino, proprio al “Paul Ricard” di Le Castellet, per um guasto tecnico in prova, Elio purtroppo ci lasciava.

© 2018 L’Automobile • Di Giancarlo Minardi • Published for entertainment and educational purposes, no copyright infringement is intended.

See also:

De Angelis writes for us

The Renault engine is a bomb, the chassis is outstanding, and we are already faster than Prost. But I’m concerned about safety: without miniskirts, you risk too much…

Un giro in pista con De Angelis

Elio De Angelis. 23 anni, romano (ma residente a Montecarlo come molti colleghi di Formula 1), scapolo insidiatissimo, è entrato nel gran circo grazie ai quattrini del padre ma ha saputo rapidamente…

Lotus says goodbye to Elio

Team Lotus published the following message in their Lotus World Magazine (December 1985 issue) when the italian driver announced he was leaving the team at the end of the 1985 season…

La victoire passa si pres

L’an dernier, il se battait pour se qualifier. Cette année, c’est en pensant aux premières lignes qu’il pilote généreusement sa monoplace. Le moins qu’on puisse dire est qu’il a gagné…

Search